sabato 12 dicembre 2015

Venere di Willendorf - Paelolitico

Finalmente, il grande incontro sull'ambiente si è concluso. Con molti applausi. Pare si sia arrivati ad una soluzione che dovrebbe cambiare le sorti del pianeta. Sarà la volta buona? O saranno solo parole?
Non credo sia questo il luogo per una tale discussione... è innegabile però che si possa fare una riflessione, che parte da un monito che ci arriva da molto lontano.
Nel Paleolitico, si era soliti ricordarsi e celebrare la grandezza della Natura. Le Grandi Madri, o Veneri, sono una personalizzazione della Natura e della Terra che ci ospitano. Organismi viventi, con i loro ritmi di vita e di morte, dai quali possiamo attingere per il nostro sostentamento. Come i neonati fanno con le madri.
Rispetto e venerazione. Oggi abbiamo la presunzione di "salvare", quando dovremmo invece "rispettare". La Natura non ha bisogno del nostro intervento, anche se siamo troppo ottusi per rendercene conto.
La Natura non è una risorsa. La Natura è un organismo.
Lo avevano percepito e compreso nella Preistoria. Ce lo siamo scordato con il progredire della tecnologia.
Una Grande Madre. Semplicemente questo.