martedì 13 gennaio 2015

Umberto Boccioni - Stati D'animo - Quelli Che Restano - 1911

Un'immagine apparentemente semplice, forse troppo agli occhi dell'osservatore superficiale.
Chi si voglia ostinare ancora a credere (o sperare) che l'esistenza abbia una direzione e un senso, prima o poi dovrà i conti con la realtà, non siamo altro che ombre destinate a lasciare un segno, che si intreccia e perde con la realtà tangibile delle cose, ma pur sempre ombre. Presenze anonimo che in qualche modo riescono comunque ad alterare la superficie dell'esistenza.
Non si tende al pessimismo pensandola così, si tende al realismo e forse si potrebbe trovare la spinta per diventare delle linee un po' più marcate, per persistere maggiormente rispetto a chi sbiadisce in fretta.