sabato 3 gennaio 2015

Pierre Huyge - Untitled - 2011-2012

L'Arte contemporanea spesso ci chiede delle riflessioni. Pierre Huyge con la sua opera quasi ce la impone.
Realizza una statua classicheggiante di dubbia innovazione artistica. Sul volto induce la costruzione di un alveare e la lascia che le api facciano tutto il resto. L'opera dopo due anni d'intensa attività delle api diventa un'opera in mutazione, viva. Ma non grazie all'azione dell'artista, che non è neanche riuscito a trovare un titolo all'opera.
Arte è tutto ciò che possa avere almeno due interpretazioni distinte, visto che questo è il primo sentore di linguaggio universale che possa parlare a persone diverse in tempi diversi.
Qui che interpretazione possiamo dare se non che l'uomo a volte è tanto furbo da lasciare che altri svolgano il lavoro al posto suo? Forse la seconda interpretazione è che tutto ciò che è strano venga definito Arte da chi non ha la sensibilità dello spirito critico?
In tal caso saremmo di fronte ad un'opera d'Arte nata dall'inattività dell'artista e dalla scarsa capacità di comprensione del pubblico. E ciò non è molto lusinghiero...