domenica 20 maggio 2012

Erich Heckel - Casa Bianca A Dangast - 1908

L'Arte moderna ha presentato uno strappo deciso nei confronti dell'Arte Classica. Non possiamo in alcun modo avvicinarci al Moderno con lo stesso occhio e apertura mentale che si sono usati per secoli nei confronti dell'Arte Classica.
Le opere nuove ci presentano un modo diverso di sentire la Realtà. Essa non viene più vista attraverso gli occhi e di conseguenza non deve essere riprodotta fotograficamente. L'avvento della fotografia ha liberato il pittore dall'incombenza di dover immortalare fedelmente la Realtà, affinché questa non si perdesse nell'oblio.
Gli artisti moderni posso permettersi il lusso di rendere la Realtà come la percepiscono, permeandola coi loro propri ricordi, vissuto e sensibilità. Guardando un'opera moderna non siamo più di fronte alla rappresentazione della Realtà, ma della Realtà dell'Artista.