mercoledì 7 marzo 2012

Artemisia Gentileschi - Allegoria Della Natura - 1638-1639

Credere in sé stessi è una buona attitudine che può permettere di avere un notevole successo nella vita. Prendere la decisione di ritrarsi nei panni dell'Allegoria della propria professione è un atto di totale sfida nel confronto di un mondo che non solo comporta una forte competizione ma era solito denigrare le donne nei panni di pittori, elevandole (però) a muse ispiratrici angelicate e angelicanti.
Artemisia Gentileschi è una donna che è riuscita a raggiungere uno status sociale talmente elevato per il suo periodo che dovrebbe essere presa ad esempio da tutti per la sua grande tenacia e passione per l'Arte.
La vita è stata beffarda e dura nei suoi confronti ma non si è mai fatta affliggere, tanto che è riuscita ad ottenere molto più di molto suoi colleghi uomini.
Violata e bistrattata dal mondo maschile, viene ora abusata da un mondo femminista che la vorrebbe sua portabandiera contro ogni logica, dal momento che Artemisia non ha nulla a che spartire con il femminismo e ha tutto da insegnare a coloro che nonostante le avversità della vita decidono di seguire le proprie ispirazioni e sogni, tenendo lo sguardo alto e non avendo mai paura di dire quello che si pensa.