sabato 10 marzo 2012

Albrecht Dürer - Il Cavaliere, La Morte E Il Diavolo - 1513

Riempire un'opera di una miriade di elementi non è cosa da poco, soprattutto se ogni elemento può apportare un ventaglio di significati che arricchiscono notevolmente il valore simbolico dell'opera.
Che la nostra realtà sensibile possa interagire con realtà paranormali o spirituali che vibrano a frequenze diverse della nostra e possano in qualche modo intersecarsi è un desiderio più volte espresso nella Storia.
Albrecht non solo riesce a ricreare un mondo tangibile ma spirituale, ma lo fotografa con una precisione impressionante.
La scena potrebbe essere un racconto, potrebbe essere la raffigurazione di un trotto silenzioso immerso nei pensieri di una vita...
Apoteosi della complessità sia compositiva sia simbolica, solo un Maestro poteva realizzare con tanta precisione quel mondo che si crea nella mente e renderlo reale.