lunedì 16 gennaio 2012

Carlo Carrà - Manifestazione Interventista - 1914


Il panorama artistico milanese nei primi anni del Novecento è stato soggetto ad un vero e proprio terremoto. Dal Cubismo, al Futurismo, alla Pittura Metafisica i cambiamenti sono stati tanti e profondi, la Pittura si avvale delle Parole, la Letteratura dei colori e la concezione della Realtà si rese più universale, più eterna.
L'arte visse in un periodo molto complicato e forse per cause completamente esterne alla ricerca artistica è stata messa da parte e costa fatica ricordarla. Eppure si deve essere ben sordi per non sentire la grande spinta innovativa, di ricerca e sperimentazione che soggiace ancora oggi in queste opere d'arte.
Un'esplosione, proprio come in questo quadro di Carrà, che grida perchè ciò che è stato relegato nel silenzio possa tornare ad essere oggetto di studio e di ricerca, perchè l'evoluzione non si fermi alla triste e diffusa prostituzione dell'arte...